Pane mele, uvetta e noci

Per il “Cestino del pane”, la rubrica che ogni terzo lunedi del mese unisce qualche food blogger amica, questa volta è toccato a me decidere la ricetta.

Ovviamente mi sono lasciata ispirare da “Il pane delle Dolomiti” di Richard Ploner e ho scelto il suo pane alle mele.

Ognuna di noi ha reinterpretato la ricetta a modo suo. Io ho aggiunto uvetta e noci, rendendolo ancora più ricco e mettendolo duramente alla prova, data la delicatezza delle farine con cui lavoro.

Ancora una volta, le mie miscele (che trovate nel mio libro sui lievitati acquistabile su Amazon) sono risultate vincenti!

Pane alle mele con vino bianco, uvetta, noci, con latte di soia, farina di riso e farina di mais, pancarrè delle Dolomiti

Ingredienti (per una teglia di 23 cm):

per la miscela:

  • 100 gr di farina di riso finissima*
  • 70 gr di farina di mais finissima*
  • 75 gr di amido di tapioca*
  • 7 gr di psillio*
  • 5 gr di guar*

Per il lievitino:

  • 100 gr di acqua a temperatura ambiente
  • 4 gr di lievito di birra
  • 45 gr di miscela

Per l’impasto:

  • 200 gr di mele gialle Melinda
  • 25 gr di vino bianco
  • 10 gr di succo di limone
  • 105 gr di latte di soia
  • 20 gr di burro chiarificato
  • 6 gr di sale fine
  • 86 gr di uvetta (messa a bagno qualche ora e strizzata e asciugata)
  • 44 gr di noci sgusciate a pezzetti

(*devono essere garantiti senza glutine)

Preparazione

Miscela

Preparate la miscela pesando tutti gli ingredienti e mescolandoli bene tra loro.

Lievitino

Mettete in una ciotola l’acqua con il lievito a briciole e la miscela. Girate finché l’acqua è completamente assorbita (non importa se rimangono dei grumetti).

Coprite la ciotola e lasciate lievitare da mezzora a un massimo di 2 ore (a seconda della temperatura esterna), finché si formano numerose bollicine in superficie e le pareti tendono a collassare.

Impasto

Mentre aspettate il lievitino, in un pentolino mettete a cuocere le mele a pezzettini con il vino e il limone, a fiamma bassa, finché assorbiranno tutto il liquido. Schiacciatele poi con una forchetta per ridurle a purea (oppure passatele nel mixer).

Lasciatele quindi intiepidire (da cotte il peso totale era 184 gr.).

Mettete nella planetaria il lievitino, la purea di mele, la restante miscela, il latte e il burro e avviatela a bassa velocità con la kappa. Aggiungete il sale e continuate a impastare, finché ottenete un impasto liscio e omogeneo.

Quando l’impasto è pronto aggiungete l’uvetta e le noci e azionate nuovamente la planetaria, giusto il tempo per farle amalgamare.

Lasciate riposare l’impasto nella ciotola della planetaria per un paio d’ore e poi trasferitelo nella vostra teglia, meglio se di quelle bucherellate.

Copritelo bene con la pellicola e mettetelo in frigorifero tutta la notte.

Cottura

Togliete la teglia dal frigorifero (noterete che il pane è cresciuto ancora) e accendete il forno a 200°. Quando ha raggiunto la temperatura, inserite la teglia al secondo livello del forno e fate cuocere il vostro pane a 200° per 50-60 minuti.

Conservazione

Lasciatelo raffreddare su una gratella e poi conservatelo in una tortiera, dove rimarrà morbido per 3-4 giorni. 

Potete gustarlo sia con i dolci che con i salati.

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *