Ciambella “senza” al cacao e mirtilli

 

Quando ho visto la bravissima Angela postare la sua bundt cake al cacao e frutti di bosco senza burro e senza uova, subito ho pensato alla sfida di renderla anche senza glutine.

Le modifiche che ho fatto sono davvero poche, ho diminuito la marmellata all’interno del dolce e non ho messo le gocce di cioccolato, perché non volevo vincere facile 😉

Nel farla mi sono ritrovata anche a dover chiedere aiuto a mio marito, perché ero talmente stanca, che non riuscivo più a mescolare con la frusta mentre aggiungevo ulteriore farina all’impasto.  Devo dire che è stato divertente vedere il modo in cui lui cercava di impastare 😉

Ormai non mi faccio più problemi a chiedere aiuto quando non ce la faccio e sento che mi mancano le forze per andare avanti, perché, se non lo facessi, mi ritroverei completamente senza forze e piena di dolori, con l’unica alternativa di metterti a letto. Così si creerebbe solo un circolo vizioso, perché più assecondi la fibromialgia e ti fermi paralizzato dai dolori e dalla stanchezza,  più lei si impossessa del tuo corpo, portandolo a una stanchezza estrema.

Non ho ancora imparato a dosare le mie forze e a capire fin dove posso arrivare, ma ho capito che, un attimo prima di essere assalita da quella stanchezza estrema, è meglio che chieda aiuto e mi fermi un attimo per recuperare, perché altrimenti non avrei più vie di uscita.

La fibromialgia è così, devi imparare i tuoi limiti e conoscere le tue risorse, per non farti sopraffare dai dolori. Non è per niente semplice.

Torniamo a noi e a questa stupenda ciambella dei “senza”.  Vi confesso che ero indecisa se pubblicarla, poi quando mio marito mi ha chiesto, perché avessi aspettato tanto a fare una torta così buona, mi sono decisamente ricreduta.

Devo anche ringraziare Leti, perché ho seguito i suoi  preziosi consigli su come gestire un impasto senza uova e far si che lieviti comunque bene e rimanga morbido.

Ingredienti (per una ciambella di 22 cm)

  • 400 gr di farina di riso integrale*
  • 55 gr di cacao amaro*
  • 350 gr di latte vegetale*
  • 100 gr di olio di semi di girasole
  • 200 gr di marmellata di mirtilli rossi*
  • 8 gr di cremor tartaro e 8 gr di bicarbonato (oppure 16 gr di lievito per dolci*)
  • 2-3 manciate di mirtilli freschi o congelati

(*devono essere garantiti senza glutine)

Preparazione

Come ho imparato da Leti, in mancanza di uova, l’unico modo per ottenere un impasto altrettanto soffice, è quello di montare il latte con un mixer a immersione. Così la bevanda vegetale ingloberà aria.

Si deve poi aggiungere l’olio di semi a filo, continuando a mixare.

A questo punto si aggiungono le polveri, la farina, il cacao e il lievito, delicatamente con un movimento dall’alto verso il basso, usando una spatola o, meglio ancora, una frusta… e qui è intervenuto mio marito 😉

Infine si aggiunge la marmellata, sempre delicatamente.

Si otterrà così un composto omogeneo e arioso.

Mettete quindi l’impasto nella vostra teglia, precedentemente imburrata e infarinata, aggiungendo i mirtilli freschi o congelati a ogni strato. Evitando di metterne troppi alla fine, perché vi rimarrebbero sul fondo una volta sfornata la vostra ciambella.

Cuocete in forno precedentemente riscaldato a 180° per 30-40 minuti.

Sfornate e lasciate raffreddare per mezzora prima di toglierlo dallo stampo.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *